,

Nel 2013 il Motore Magnetico viene sottoposto a test approfondito

E’ veramente tempo di rivelazioni, sopratutto nel campo energetico.
E’ innegabile che ormai da ogni parte del mondo sicenziati-sperimentatori autonomi vengono alla ribalta e portano alla conoscenza del grande pubblico le loro straordinarie scoperte, specie attraverso il web e informatori indipendenti.
Dal sito http://www.peswiki.com, al momento il miglior portale mondiale sull’argomento Free-Energy e cioè energie gratis e libere per tutti, estraggo e traduco le notizie riguardo il motore magnetico realizzato dall’inventore e sperimentatore scienziato turco Muammer Yildiz, dopo 33 anni di studi sul magnetismo e 44 prototipi di motori funzionanti con la forza di soli magneti permanenti.

Vari Esperimenti Free-Energy

Vari Esperimenti Free-Energy visibili cercando in rete


Per i profani in assoluto, vuol dire che questo motore non usa nessun combustibile per girare, ma la forza attrattiva e repulsiva di semplici magneti.
Il segreto del funzionamento di questo motore dovrebbe risiedere nel design dello stesso, cioè nel modo in cui sono disposti i magneti sul rotore e in contrapposizione sullo statore, la parte esterna e immobile del motore.

La durata dei magneti di attuale fabbricazione, quelli al neodimio ad esempio, è davvero lunga, si parla di decenni, basti pensare agli altoparlanti che funzionano grazie ad un  magnete e che, a meno che non venga “bruciato” l’avvolgimento di rame, possono suonare bene per 20-30 anni e tuttavia alla fine della loro vita il magnete sarebbe ancora quasi totalmente “carico”.

Ebbene Muammer Yildiz nel corso degli anni ha prodotto vari modelli di questi motori, che in realtà sono quindi, non utilizzando nessun tipo di energia, dei veri e propri generatori di movimento rotatorio, che può quindi essere convertito in corrente elettrica facilmente, utilizzando un alternatore direttamente connesso ad esso.

La potenza dei prototipi finora costruiti va da 1  a 2 kw e nel passato l’inventore ha mostrando già il suo motore e condotto vari test rintracciabili on line, tuttavia nei prossimi giorni dovrebbe partire  un test definitivamente accademico che verrà condotto per 30 giorni consecutivi in una università europea non meglio specificata.

Nel brevissimo video girato il 17 gennaio 2013 si vede perfettamente come il motore viene fatto partire, funziona e poi viene arrestato.

Questo filamatino è stato girato dal Dr Ward van der Houwen che, dai Paesi Bassi, una volta saputo del test ufficiale in partenza, ha deciso di armare una troupe e costruire un documentario da mostrare al mondo intero, anche per verificare di prima mano, producendo un video-documento incontrovertibile che narrerà inoltre la storia dell’inventore e il percorso personale di Muammer Yildiz.

I dettagli finora certi si leggono da una breve missiva di Halil, aiutante e socio nel progetto di divulgazione:
” L’università sta preparando una camera isolata dove un solo motore verrà testato, ma Mr. Yildiz ne ha preparati due.
Gli strumenti che verranno possibilmente usati in fase di test sono un altrenatore, una dinamo, batteriem riscaldatore elettrico, lampade, misuratore di coppia Misuratore di giri, dinamometro e altro.

Mr. YILDIZ intende dimostrare che può tenere la velocità costante o controllarla + o – e può anche controllare la potenza + o -. 
Al momento non abbiamo bisogno di nulla, solo di Preghiere per la Gente!
Personalmente ho un obbiettivo: un sito web con tutti i contenuti tradotti in tutti i linguaggi del mondo, dai loro madrelingua, in maniera corretta. Per gli uomini di affari capire e scrivere in inglese o tradurlo, potrebbe non essere un problema, ma per la gente che non parla un linguaggio straniero, voglio davvero farlo.
Anche per i portatori di handicapp, ho bisogno di supporto, per aiutarli a seguire gli eventi, perchè una delle mire del BSMH PROJECT (il progetto di sviluppo in fase di business plan) è di aiutare i portatori di handicapp, gli anziani e i bambini nelle loro vite quotidiane.

Questo è un progetto umanitario. Non personale, ma globale. Non è solo commerciale.
Sinceramente: Halil TURKMEN – BSMH TURK”

L’Articolo è estrapolato dal dossier completo attualmente in fase di scrittura a questo link:
http://www.peswiki.com/index.php/Event:2013:Validating_Muammer_Yildiz%27_Magnet_Motor_for_30_Days_at_European_University

In quest’altro video documento, pubblicato il 13 gennaio 2013 si possono ammirare delle splendide immagini che mostrano il certosino lavoro di ricerca nella costruzione di diversi prototipi e le bellissime foto dei pattern magnetici generati in fase di studio, in attesa del documentario vero e proprio, che dovrebbe finalmente dirimere l’annosa questione sul funzionamento dei motori puramente magnetici.

Sul sito ufficiale è pieno di informazioni e c’è anche una pagina in Italiano, questa: http://www.bsmhturk.com/it.php  dove si legge:

“Da nano a mega dispositivi: Nessuna manutenzione

Garanzia a vita: La costante energia rotativa che viene prodotta dal dispositivo può essere utilizzata per collegarsi a qualsiasi sistema meccanico esterno come albero, elica, ruota, trasmissione, alternatore, ecc.

Il dispositivo è compatibile per il funzionamento con qualsiasi meccanismo o sistema.
Tutti i sistemi che funzionano tramite una sorgente di energia possono utilizzare questo dispositivo. “

In conclusione, a riprova del fatto che nel mondo ci sono molte persone che stanno replicando questi esperimenti, vi propongo il  Motore Magnetico Argentino TORIAN 3,
definitivamente molto più rudimentale, ma comunque visibilmente funzionante.
Il mondo adesso deve sapere se un nuovo e diverso futuro è davvero alle porte oppure no e se queste invenzioni sono tutte bufale oppure no: verificare per credere!
Grazie ad Allan Sterling per l’importante lavoro informativo che svolge e ai quanti condivideranno questo articolo presso i loro contatti contribuendo con un semplice gesto alla divulgazione.
Emanuele Nusca

print
35 commenti
« Commenti più vecchi
« Commenti più vecchi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento