Oltre tutte le qualità già elencate nella pagina “Cosa è, cosa non è IL M-IO PRIMO MINISTRO”, l’azione politica denominata IL M-IO PRIMO MINISTRO può essere identificata anche come “gioco”, o meglio, “il gioco dei voti” e, come ogni gioco, ha delle REGOLE oltre che degli scopi, già in parte elencati QUI.

08 - Regole del Gioco

Le regole sono poche e semplici in realtà, ma fondamentali, poiché riguardano la sfera di alcune decisioni individuali e personali, in relazione a decisioni collettive, e contemporaneamente definiscono gli step del gioco nella sua evoluzione, tra inizio e fine.

E’ importante comprendere bene le poche regole fondamentali per capire come si gioca e se può essere utile per se stessi provare a giocare o no, e ancora, se si è pronti o no a giocare a questo nuovo tipo di gioco, basato essenzialmente sulla fiducia e la trasparenza tra Terrestri che si autodeterminano e autodeterminano la propria società consapevolmente, conoscendone i meccanismi di funzionamento.

________________________________________________________

ALCUNI PERCHÉ INTRODUTTIVI

– Perchè l’azione de IL M-IO PRIMO MINISTRO, nonostante la sua innegabile importanza politica è chiamata spesso “il gioco dei voti”?

– Perché “la palla” che permette ai Terrestri di “scendere in campo a giocare” e altresì al gioco di svolgersi, è composta dall’UNIONE dei loro VOTI, che, man mano che si uniscono con l’aumentare del numero dei giocatori, faranno crescere la dimensione della “palla”.

Tanto più questa palla è formata dall’insieme di tanti voti, tanto più farà gola ai candidati, poiché presumibilmente contiene la dote necessaria a loro per poter essere eletti.
Per questo, più Terrestri partecipano al gioco, più voti si uniscono e più il gioco diventa interessante per tutti.
La posta in gioco si alza ogniqualvolta venga stretta una nuova promessa e il voto di un nuovo terrestre viene idealmente inserito nel cestino virtuale che li raccoglie, fatto di pura fiducia.
Il contenitore virtuale contiene le promesse di voto dei Terrestri “giocatori”, quindi il loro voto reale per una determinata, singola e unica elezione.

Perché?

Perché il gioco non consiste solo nel comporre “una palla” (insieme di voti) quanto più grande possibile, ma anche e sopratutto consiste nel fatto che I GIOCATORI DECIDONO INSIEME A CHI ASSEGNARE IL TOTALE DEI VOTI UNITI dal gioco.

E’ intuibile che in questo modo, più questo nuovo bacino di voti diventerà grande e più sarà determinante per l’esito definitivo della votazione indetta, avendo questo nuovo bacino di voti reali l’unico scopo di essere assegnato in maniera compatta.

In questo modo, stringendo questa promessa tra Terrestri, una nuova “palla di voti”, ovvero una nuova forza politica, ovvero un nuovo tipo di  UNIONE POLITICA TRA TERRESTRI CITTADINI AL DI SOPRA DI QUALSIASI PARTE può essere creata ogniqualvolta un qualsiasi organo giuridico esistente (uno stato, una regione, un comune, un distretto) indìca una qualsiasi votazione.

Questa promessa o contratto, esisterà limitatamente alla singola e unica elezione per la quale si sarà creata! 

Al termine di qualsiasi “gioco” tutti i contratti relativi allo specifico evento, che ha una tempistica ben definita e una assoluta impossibilità di essere posticipata nel tempo, quindi una fine ben precisa, si saranno risolti in ogni e qualsiasi modo.
Ad ogni giocatore quindi arriverà il merito che egli avrà generato per se stesso, in ogni e qualsiasi forma.

Ad esempio, possono giocare e quindi unire i propri voti per formare una nuova forza politica indipendente e che NON SIA un partito,  i cittadini di una città quando c’è bisogno di eleggere un nuovo Sindaco per quel Comune.
In questo caso, il cestino di voti sarà riempito dai voti dei Terrestri di quel comune che hanno diritto alla votazione amministrativa, e che si apprestano a votare il proprio Sindaco.
Costruendo “la palla” o riempiendo il cestino, i cittadini uniscono liberamente il loro voto per il sindaco, senza ideale o bandiera alcuna, se non quello di “VOTARE PER IL CANDIDATO PERFETTO” per il proprio comune, e di conseguenza scelgono insieme, PRIMA DELLE ELEZIONI reali a quale candidato assegnare tutti i voti uniti nel gioco.

Questa scelta avviene tramite il metodo chiamato “LA SCELTA PERFETTA”, attraverso il quale i partecipanti condivideranno le loro preferenze in separata sede, prima del voto ufficiale alle urne.
LA SCELTA PERFETTA è di fatto un sistema di votazione vero e proprio, tuttavia è del tutto nuovo, innovativo, rivoluzionario, equo e giusto, in una parola: PERFETTO!
E’ il metodo di scelta che rende possibile l’esistere del gioco ed è spiegato nella relativa pagina (QUI)
.

________________________________________________________


LE REGOLE DEL GIOCO

I 3 punti chiave che descrivono lo svolgimento del “gioco” e ne definiscono le regole:

1 – STRINGERE LA PROMESSA tra Terrestri cittadini aventi diritto e votanti, che vogliono unire il loro potere di voto per condizionare consapevolmente l’esito elettorale di una singola e certa elezione, secondo la propria esplicita e manifesta volontà.
Questo avviene impegnandosi in un CONTRATTO tramite una AZIONE FISICA, quale una STRETTA DI MANO, che sancisce l’intesa della promessa tra Terrestri;

2 – APPLICARE IL METODO ‘LA SCELTA PERFETTA’ tra le opzioni realmente in campo e che saranno presenti sulla scheda in quella determinata elezione e votare esprimendo il Voto Duale.
A seguito della votazione saranno esplicitati i risultati della Classifica Perfetta, e sarà palese qual’è l’Opzione Perfetta, ovvero un candidato o un partito, che riceverà così l’intera raccolta di voti.

3 – MANTENIMENTO DELLA PROMESSA e assegnazione “voto reale”.
I risultati della votazione effettuata con il metodo LA SCELTA PERFETTA indicheranno inequivocabilmente a tutti i partecipanti, verso dove è diretto maggiormente il loro intento, ovvero, l’opzione perfetta in quel momento per quel collettivo, che dovrà quindi essere sostenuta alle successive elezioni “reali” per onorare la promessa contenuta nel contratto iniziale.
Anche i non partecipanti al gioco verranno comunque influenzati nel voto, dato che tutto il percorso è pubblico e non ha ragione di essere tenuto segreto per alcun motivo, visto che è potenzialmente partecipabile da chiunque e l’obbiettivo primo e ultimo è migliorare la politica globale e disporre di strumenti realmente partecipabili e fruibili da tutti facilmente.

________________________________________________________

1- STRINGERE LA PROMESSA

La fase più importante del gioco è proprio quella iniziale, dove il Terrestre deve prendere la decisione se GIOCARE oppure no con altri suoi concittadini, ovvero PARTECIPARE all’azione politica comune in oggetto.
Per questo è necessario comprendere, valutare e infine, se lo si decide, bisogna accettare il CONTRATTO PROPOSTO e stringere la promessa con altri concittadini aventi diritto allo stesso voto per il quale “si gioca”.

Per meglio comprendere come funzionano le dinamiche del sistema politico-sociale-spirituale-economico che attualmente regolano la maggior parte dei contratti tra noi Terrestri, è auspicabile raggiungere individualmente una certa consapevolezza di quello che è una PROMESSA, ovvero un CONTRATTO tra Terrestri.
La lettura dell’articolo “Contratto, Tempo e Responsabilità di Creazione” aiuta nella comprensionecosì come di quelli mostrati in questo link (qui), è altamente consigliata e propedeutica alla comprensione.

IL CONTRATTO

Il contratto che unisce i Terrestri Concittadini è davvero molto semplice e prevede uno SCAMBIO EQUO tra le parti, per questo è detto palindromo e simmetrico:
– palindromo, perché i contraenti si scambiano esattamente la stessa cosa e allo stesso tempo,
– simmetrico, perché tutte le parti sono coinvolte nell’azione in maniera assolutamente paritaria.

COSA CI SI SCAMBIA NEL CONTRATTO?

L’oggetto dello scambio è intangibile ed è IL VOTO di quella determinata elezione in cui viene lanciato il “gioco”.
Tuttavia, parlare di scambio di voto è fuorviante ed è più opportuno quindi parlare di UNIONE dei voti attraverso lo scambio di FIDUCIA .
E’ bene sapere che:

  • Il “Contratto I.M.P.M.” è un atto che vale esclusivamente per i Terrestri che lo sottoscrivono idealmente per applicare il gioco in una determinata elezione, quindi si risolve arbitrariamente e in ogni caso al termine di ogni elezione indetta dall’ente che si intende condizionare tramite il gioco, dato che alla chiusura delle urne, i voti impegnati nel contratto in ogni caso non esisteranno più.
  • Essendo l’oggetto di scambio del contratto intangibile e ivverificabile, ovvero il VOTO, i Terrestri partecipanti saranno comunque e sempre liberi SINGOLARMENTE da qualsiasi possibile testimonianza terza che possa rilevare se i termini del contratto siano stati mantenuti da chicchessia.
    Invece tutti, COLLETTIVAMENTE, testimonieranno l’esito del gioco, che, se avrà raccolto tanti consensi e se le promesse fatte saranno state mantenute dai partecipanti, avrà cambiato per sempre la storia politica del gruppo che lo avrà condotto e che avrà finalmente capito come si fa ad autodeterminarsi pacificamente attraverso la comprensione di ciò che REALMENTE È POLITICA!
  • Altresì non può sussistere in alcun modo alcun obbligo di un Terrestre verso un altro, derivante dall’accettazione del Contratto I.M.P.M..

PROMESSA SOLENNE da stringere tra CONCITTADINI CONSAPEVOLI:

“Io, Xxxxxxx Yxxxxxx, cittadino di Zzzzzzz, mi impegno ad individuare il candidato perfetto per ricoprire la carica di Sindaco della mia città, tramite l’uso del metodo LA SCELTA PERFETTA e IL VOTO DUALE.
Una volta selezionato il Candidato Perfetto, questi riceverà il mio voto alle urne, unitamente a quelli di tutti gli altri miei concittadini partecipanti a questa scelta collettiva ragionata, denominata “IL M-IO PRIMO CITTADINO Zzzzzzz 201x.”  

________________________________________________________

2- APPLICARE IL METODO LA SCELTA PERFETTA

In questa fase si usa il metodo di voto LA SCELTA PERFETTA, per decidere dove poi andrà apposto il vero voto di quella determinata elezione, il termine dello scambio del contratto.

Consulta questo link per i dettagli di questo metodo di scelta e le importantissime innovazioni che esso porta.
⚖ LA SCELTA PERFETTA ⚖

________________________________________________________

3- VOTO REALE ALLE URNE

A seguito della pre-votazione con La Scelta Perfetta, che si concluderà ovviamente prima dell’apertura dei seggi, vengono pubblicati gli esiti del Voto Duale e viene reso noto il “candidato perfetto” o la “lista perfetta”, a seconda dei casi in cui viene applicato questo particolare percorso politico.

Quindi si procederà al VOTO REALE ALLE URNE da parte dei partecipanti al “gioco” che, per mantenere la PROMESSA e quindi OSSERVARE I TERMINI DEL CONTRATTO che la regola, dovranno votare per il candidato rivelato come perfetto per il gruppo che ha usato il nuovo metodo “LA SCELTA PERFETTA”.

Fine del gioco.

________________________________________________________

Se l’unione di voti PURI, senza bandiere, senza programmi, senza ideali, sarà stata percentualmente rilevante, il gioco avrà funzionato e avrà condizionato l’esito finale della reale votazione che vedrà possibilmente vincitore il candidato scelto insieme, per la prima volta consapevolmente da un gruppo di Terrestri, uniti politicamente, e che avranno dimostrato di esserlo ed aver compreso cosa è la politica, a cosa serve e come si fa!


In questa slide si possono vedere graficamente le fasi del “gioco” nel TEMPO.
Questo schema può essere applicato in ogni comune, tuttavia si porta ad esempio la timeline che riguarda L’Aquila, dove nel 2017 ci sarà una possibilità di applicare il gioco.

IMPC AQ 2017 2.0 RES


Riassunto delle tre fasi:

1 – Si forma il gruppo di Terrestri concittadini “giocatori” tramite promessa/contratto.
I giocatori uniscono i propri voti in un raccoglitore ideale attraverso la promessa, ovvero stringendo un contratto, palindromo e simmetrico che è sia pubblico che privato allo stesso tempo. (anche questa è una novità assoluta e va compresa prima di lasciarsi andare a giudizi casuali…)

Questo contratto prevede di scegliere insieme a quale partito o candidato, tra quelli in corsa per la carica, assegnare tutti i voti raccolti.
In questo modo, si compone e si dimostra la vera UNIONE POLITICA tra concittadini.

2 – I Terrestri CONCITTADINI che hanno avallato il contratto che UNISCE I LORO VOTI REALI, hanno quindi facoltà di accedere alla votazione auto-organizzata, effettuata con il metodo “LA SCELTA PERFETTA”, che consente di esprimere la propria preferenza tramite il VOTO DUALE.
Questa pre-votazione, che terminerà qualche giorno prima dell’apertura delle urne, rivelerà a tutti (di fatto anche a chi non partecipa al gioco) chi sarà il destinatario dei voti reali.

3 – Al termine della pre-votazione effettuata con il metodo LA SCELTA PERFETTA, tutti i concittadini partecipanti al gioco e non, vedranno il risultato ottenuto e che sarà PUBBLICO, quindi sapranno quale sarà il partito/candidato che dovranno votare alle urne, al fine di mantenere la promessa e risolvere il contratto .
Il gioco termina contemporaneamente alla chiusura delle urne delle votazioni ufficiali, e contestualmente, per i cittadini, viene risolto ed estinto qualsiasi obbligo contrattuale, derivante dal contratto sottoscritto per partecipare al gioco “IL M-IO PRIMO MINISTRO”.


“Il nuovo gioco politico per Terrestri liberi e desiderosi di cambiare il mondo!”


“Il nuovo gioco politico per tutti, dove ognuno farà la differenza per quello che vale!”


“Il nuovo gioco politico che farà capire a tutti cosa è la politica, perché è così importante e sopratutto, come si fa ad esercitarla, per quello che realmente serve, nel rispetto delle Leggi Universali Di Creazione!” 


“Il nuovo gioco politico per tutti, anche per chi ha perso le speranze in un rinnovamento politico, perché non gli è mai stato spiegato cosa è, come si fa e a cosa serve la VERA POLITICA!”